Calendario 2017/18

Gen
20
sab
STORIE DI QUESTO MONDO – Roma @ Officina Dinamo
Gen 20@10:30
STORIE DI QUESTO MONDO - Roma @ Officina Dinamo | Roma | Lazio | Italia

IL SABATO DEL VILLAGGIO

teatrodelleapparizioni in collaborazione con Officina Dinamo propone una piccola stagione dedicata alle nuove generazioni. Nuove proposte che la compagnia presenta in anteprima, per incontrare il pubblico e nutrirsi di quella relazione fondamentale che alimenta tutti i progetti all’inizio di ogni percorso.

dai 4 anni

di Francesco Picciotti, Francesca Villa e Fabrizio Pallara
con Francesco Picciotti e Francesca Villa
regia Fabrizio Pallara
burattini e oggetti Francesco Picciotti
produzione Divisoperzero in collaborazione con teatrodelleapparizioni

Un viaggio intorno al mondo, fermi su un tappeto, per incontrare miti, leggende e racconti lontani. Musica, parole, oggetti e burattini per esplorare avventure straniere, magie e sguardi sconosciuti sulla realtà.
La condivisione di una storia diventa una lingua comune a tutti i popoli per raccontarsi,  conoscersi e scoprirsi più vicini.

Feb
4
dom
LA MIA GRANDE AVVENTURA – Grado @ Auditorium Biagio Marin
Feb 4@17:00
LA MIA GRANDE AVVENTURA - Grado @ Auditorium Biagio Marin | Grado | Friuli-Venezia Giulia | Italia

dai 6 anni e adulti

drammaturgia Valerio Malorni e Fabrizio Pallara
regia Fabrizio Pallara
con Valerio Malorni
scene Francesca Marsella e Fabrizio Pallara
costumi Francesca Marsella

produzione CSS Teatro stabile di innovazione del FVG con teatrodelleapparizioni

Una nuova nascita, una grande avventura, uno sciamano che sa vedere lo scintillio e le ombre nelle cose del mondo, uomo-bambino capace di entrare in un bosco e perdersi per molti anni.
Ogni viaggio è metafora di conquista e cambiamento e il protagonista di questa storia affronta da solo in questo percorso la gioia di vincere, la paura di perdere, la vertigine della crescita; incontra il mondo intero nel bosco, imparando a guardare se stesso e l’altro da sé.
Una partenza e un ritorno a casa, un cammino che diventa caleidoscopio di visioni e di incontri con mostri puzzolenti, spiriti capricciosi, esilaranti, spiriti incantevoli e spiriti misteriosi. Dentro una tenda-casa, luogo di enigmatiche visioni, spazio dei ricordi, di luci e di zone buie, di sorprese e di incanti, il racconto di un viaggio fantastico.
Gli anni trascorsi nel bosco, le scoperte, diventano lo spunto per una storia di vita e di meraviglia. Grazie alle forze della natura e alle sue trasformazioni, nell’ardore della danza e con il fascino della magia, si racconta un’avventura che non finisce mai, che è di tutti, d’ogni tempo.

SPAZIO

-Spazio completamente oscurabile

-Quadratura all’italiana nera

-Spazio minimo 7,5 m (11,5 m con spazio in quinta) largo x 8 m lungo x 4 m alto
(2 m su entrambi i lati per tagli con sagomatori su stativi)

-Possibilità di appendere un fondale, su stangone o americana mobile, alto 4 m x 7 m
a 4,00 m dall’inizio del palcoscenico

-Collegamento palco-platea

-La regia audio e luci fondo sala

AUDIO a carico del teatro

-audio commisurato alla sala, più 2 casse spia

-lettore cd con auto pausa

LUCI a carico del teatro

-consolle 24 canali, 21 canali dimmer

-cavi

-1 pc 1000 watt, con bandiere

(luci per illuminare sala 2/4 pc 1000watt o 1/2 domino 1000 w)

-1 par 1000 watt con basetta per metterlo a terra

-5 sagomatori 750 w 36°

-5 stativi per sagomatori

a carico della compagnia

-Mixer audio 8 canali con effetti

-5 quarze e 3 super lucciole

-Macchina del fumo

NOTE

-Un tecnico a carico del teatro per il montaggio; il montaggio avrà una durata di 6 ore, lo smontaggio di 3 ore.
-Cavistica nera perché a vista sul palco.
-Durante lo spettacolo verrà utilizzata una macchina del fumo.

Feb
6
mar
IL TENACE SOLDATINO DI PIOMBO – Lodi @ Teatro alle Vigne
Feb 6@10:00
IL TENACE SOLDATINO DI PIOMBO - Lodi @ Teatro alle Vigne | Lodi | Lombardia | Italia

english français

dai 4 anni e adulti

da H.C.Andersen
un'idea di Fabrizio Pallara
di Valerio Malorni e Fabrizio Pallara
con Valerio Malorni/Francesco Picciotti e Fabrizio Pallara
produzione teatrodelleapparizioni/Teatro Accettella

Eolo Awards 2015 come miglior spettacolo di Teatro di Figura
Spettacolo vincitore del Premio operatori Piccolipalchi 2014/2015

Una stanza, molti giocattoli, una finestra che si affaccia su un esterno immaginario, la pioggia, le luci soffuse di un interno intimo e caldo, per raccontare la storia del soldatino di piombo e della sua ballerina.
La celebre fiaba viene reinterpretata in un gioco in cui gli oggetti prenderanno vita parlando, combattendo, danzando, protagonisti di un film teatrale proiettato su un grande schermo in diretta.
Il set è dunque la stanza dei giochi, il luogo in cui avviene la meraviglia e qui il teatro si mostrerà nel suo farsi al servizio dell’occhio della telecamera che, come il buco della serratura di una porta invisibile, offrirà agli spettatori uno sguardo inedito e privilegiato, per entrare nella storia osservando il piccolo e l’impercettibile.
Due piani di azione, due differenti visioni, due linguaggi a confronto, quello teatrale e quello cinematografico, che si sveleranno e si misureranno per unirsi e raccontare una grande storia d'amore.

Spazio completamente oscurabile

Spazio minimo 6,50 m x 6,50 m x h3,50 m

Possibilità di appendere un fondale, su stangone o americana mobile, alto 3,50 m per la retroproiezione a 4,50 m dall’ inizio del palcoscenico

Quadratura all’italiana nera

La regia audio sarà gestita dai 2 attori sul palco

Impianto audio e luci, a carico del teatro, commisurati all’ampiezza della sala

(la compagnia può fornire un impianto audio e le luci per sale non più grandi di 150 posti)

Ritorni stereo sul palco (lato SN palco guardando il palco dalla platea)

Ritorno elettrico 220 watt (1 lato SN palco guardando il palco dalla platea e 1 fondo palco)

Si richiede consolle luci sul palco (lato SN palco guardando il palco dalla platea) o la gestione, da parte di un tecnico, di un piazzato puntuale composto da 6 PC 1000 watt, che verrà usato solo all’inizio e alla fine, in quanto lo spettacolo sarà illuminato da luci interne alla scena gestite direttamente dagli attori.

Montaggio 5 ore
Smontaggio 3 ore

Referenti tecnici
Fabrizio Pallara 0039-328/5628546 ITALIANO/SPAGNOLO
Valerio Malorni 0039-328/6398412 FRANCESE/INGLESE

LA MIA GRANDE AVVENTURA – Forni di Sopra @ Cjase dai Fornez
Feb 6@10:00
LA MIA GRANDE AVVENTURA - Forni di Sopra @ Cjase dai Fornez | Forni di Sopra | Friuli-Venezia Giulia | Italia

dai 6 anni e adulti

drammaturgia Valerio Malorni e Fabrizio Pallara
regia Fabrizio Pallara
con Valerio Malorni
scene Francesca Marsella e Fabrizio Pallara
costumi Francesca Marsella

produzione CSS Teatro stabile di innovazione del FVG con teatrodelleapparizioni

Una nuova nascita, una grande avventura, uno sciamano che sa vedere lo scintillio e le ombre nelle cose del mondo, uomo-bambino capace di entrare in un bosco e perdersi per molti anni.
Ogni viaggio è metafora di conquista e cambiamento e il protagonista di questa storia affronta da solo in questo percorso la gioia di vincere, la paura di perdere, la vertigine della crescita; incontra il mondo intero nel bosco, imparando a guardare se stesso e l’altro da sé.
Una partenza e un ritorno a casa, un cammino che diventa caleidoscopio di visioni e di incontri con mostri puzzolenti, spiriti capricciosi, esilaranti, spiriti incantevoli e spiriti misteriosi. Dentro una tenda-casa, luogo di enigmatiche visioni, spazio dei ricordi, di luci e di zone buie, di sorprese e di incanti, il racconto di un viaggio fantastico.
Gli anni trascorsi nel bosco, le scoperte, diventano lo spunto per una storia di vita e di meraviglia. Grazie alle forze della natura e alle sue trasformazioni, nell’ardore della danza e con il fascino della magia, si racconta un’avventura che non finisce mai, che è di tutti, d’ogni tempo.

SPAZIO

-Spazio completamente oscurabile

-Quadratura all’italiana nera

-Spazio minimo 7,5 m (11,5 m con spazio in quinta) largo x 8 m lungo x 4 m alto
(2 m su entrambi i lati per tagli con sagomatori su stativi)

-Possibilità di appendere un fondale, su stangone o americana mobile, alto 4 m x 7 m
a 4,00 m dall’inizio del palcoscenico

-Collegamento palco-platea

-La regia audio e luci fondo sala

AUDIO a carico del teatro

-audio commisurato alla sala, più 2 casse spia

-lettore cd con auto pausa

LUCI a carico del teatro

-consolle 24 canali, 21 canali dimmer

-cavi

-1 pc 1000 watt, con bandiere

(luci per illuminare sala 2/4 pc 1000watt o 1/2 domino 1000 w)

-1 par 1000 watt con basetta per metterlo a terra

-5 sagomatori 750 w 36°

-5 stativi per sagomatori

a carico della compagnia

-Mixer audio 8 canali con effetti

-5 quarze e 3 super lucciole

-Macchina del fumo

NOTE

-Un tecnico a carico del teatro per il montaggio; il montaggio avrà una durata di 6 ore, lo smontaggio di 3 ore.
-Cavistica nera perché a vista sul palco.
-Durante lo spettacolo verrà utilizzata una macchina del fumo.

Feb
7
mer
IL TENACE SOLDATINO DI PIOMBO – Lodi @ Teatro alle Vigne
Feb 7@10:00
IL TENACE SOLDATINO DI PIOMBO - Lodi @ Teatro alle Vigne | Lodi | Lombardia | Italia

english français

dai 4 anni e adulti

da H.C.Andersen
un'idea di Fabrizio Pallara
di Valerio Malorni e Fabrizio Pallara
con Valerio Malorni/Francesco Picciotti e Fabrizio Pallara
produzione teatrodelleapparizioni/Teatro Accettella

Eolo Awards 2015 come miglior spettacolo di Teatro di Figura
Spettacolo vincitore del Premio operatori Piccolipalchi 2014/2015

Una stanza, molti giocattoli, una finestra che si affaccia su un esterno immaginario, la pioggia, le luci soffuse di un interno intimo e caldo, per raccontare la storia del soldatino di piombo e della sua ballerina.
La celebre fiaba viene reinterpretata in un gioco in cui gli oggetti prenderanno vita parlando, combattendo, danzando, protagonisti di un film teatrale proiettato su un grande schermo in diretta.
Il set è dunque la stanza dei giochi, il luogo in cui avviene la meraviglia e qui il teatro si mostrerà nel suo farsi al servizio dell’occhio della telecamera che, come il buco della serratura di una porta invisibile, offrirà agli spettatori uno sguardo inedito e privilegiato, per entrare nella storia osservando il piccolo e l’impercettibile.
Due piani di azione, due differenti visioni, due linguaggi a confronto, quello teatrale e quello cinematografico, che si sveleranno e si misureranno per unirsi e raccontare una grande storia d'amore.

Spazio completamente oscurabile

Spazio minimo 6,50 m x 6,50 m x h3,50 m

Possibilità di appendere un fondale, su stangone o americana mobile, alto 3,50 m per la retroproiezione a 4,50 m dall’ inizio del palcoscenico

Quadratura all’italiana nera

La regia audio sarà gestita dai 2 attori sul palco

Impianto audio e luci, a carico del teatro, commisurati all’ampiezza della sala

(la compagnia può fornire un impianto audio e le luci per sale non più grandi di 150 posti)

Ritorni stereo sul palco (lato SN palco guardando il palco dalla platea)

Ritorno elettrico 220 watt (1 lato SN palco guardando il palco dalla platea e 1 fondo palco)

Si richiede consolle luci sul palco (lato SN palco guardando il palco dalla platea) o la gestione, da parte di un tecnico, di un piazzato puntuale composto da 6 PC 1000 watt, che verrà usato solo all’inizio e alla fine, in quanto lo spettacolo sarà illuminato da luci interne alla scena gestite direttamente dagli attori.

Montaggio 5 ore
Smontaggio 3 ore

Referenti tecnici
Fabrizio Pallara 0039-328/5628546 ITALIANO/SPAGNOLO
Valerio Malorni 0039-328/6398412 FRANCESE/INGLESE

LA MIA GRANDE AVVENTURA – Maniago @ Teatro Verdi
Feb 7@10:00
LA MIA GRANDE AVVENTURA - Maniago @ Teatro Verdi | Maniago | Friuli-Venezia Giulia | Italia

dai 6 anni e adulti

drammaturgia Valerio Malorni e Fabrizio Pallara
regia Fabrizio Pallara
con Valerio Malorni
scene Francesca Marsella e Fabrizio Pallara
costumi Francesca Marsella

produzione CSS Teatro stabile di innovazione del FVG con teatrodelleapparizioni

Una nuova nascita, una grande avventura, uno sciamano che sa vedere lo scintillio e le ombre nelle cose del mondo, uomo-bambino capace di entrare in un bosco e perdersi per molti anni.
Ogni viaggio è metafora di conquista e cambiamento e il protagonista di questa storia affronta da solo in questo percorso la gioia di vincere, la paura di perdere, la vertigine della crescita; incontra il mondo intero nel bosco, imparando a guardare se stesso e l’altro da sé.
Una partenza e un ritorno a casa, un cammino che diventa caleidoscopio di visioni e di incontri con mostri puzzolenti, spiriti capricciosi, esilaranti, spiriti incantevoli e spiriti misteriosi. Dentro una tenda-casa, luogo di enigmatiche visioni, spazio dei ricordi, di luci e di zone buie, di sorprese e di incanti, il racconto di un viaggio fantastico.
Gli anni trascorsi nel bosco, le scoperte, diventano lo spunto per una storia di vita e di meraviglia. Grazie alle forze della natura e alle sue trasformazioni, nell’ardore della danza e con il fascino della magia, si racconta un’avventura che non finisce mai, che è di tutti, d’ogni tempo.

SPAZIO

-Spazio completamente oscurabile

-Quadratura all’italiana nera

-Spazio minimo 7,5 m (11,5 m con spazio in quinta) largo x 8 m lungo x 4 m alto
(2 m su entrambi i lati per tagli con sagomatori su stativi)

-Possibilità di appendere un fondale, su stangone o americana mobile, alto 4 m x 7 m
a 4,00 m dall’inizio del palcoscenico

-Collegamento palco-platea

-La regia audio e luci fondo sala

AUDIO a carico del teatro

-audio commisurato alla sala, più 2 casse spia

-lettore cd con auto pausa

LUCI a carico del teatro

-consolle 24 canali, 21 canali dimmer

-cavi

-1 pc 1000 watt, con bandiere

(luci per illuminare sala 2/4 pc 1000watt o 1/2 domino 1000 w)

-1 par 1000 watt con basetta per metterlo a terra

-5 sagomatori 750 w 36°

-5 stativi per sagomatori

a carico della compagnia

-Mixer audio 8 canali con effetti

-5 quarze e 3 super lucciole

-Macchina del fumo

NOTE

-Un tecnico a carico del teatro per il montaggio; il montaggio avrà una durata di 6 ore, lo smontaggio di 3 ore.
-Cavistica nera perché a vista sul palco.
-Durante lo spettacolo verrà utilizzata una macchina del fumo.

Feb
10
sab
FIABE DA TAVOLO – Roma @ Teatro Argentina - Sala Squarzina
Feb 10@16:00
FIABE DA TAVOLO - Roma @ Teatro Argentina - Sala Squarzina | Roma | Lazio | Italia

dai 4 anni e adulti

di e con Fabrizio Pallara
produzione teatrodelleapparizioni
con il sostegno di Corsia OF

"Io credo questo: le fiabe sono vere. […] sono il catalogo dei destini che possono darsi a un uomo e a una donna" I. Calvino

Dentro ai libri, sulle bocche di chi le racconta, lette, immaginate, sognate, le fiabe nascono e poi si mettono in viaggio correndo nelle parole, e durante il viaggio cambiano, crescono, si trasformano.
Mappe di vita che accompagnano i bambini e i grandi; riti di passaggio che indirizzano e segnano strade possibili, piccoli sentieri, grandi avventure.
Sei fiabe viaggiano in sei valigie e due alla volta, in ogni incontro, verranno evocate con oggetti, suoni, racconti e immaginazioni.
Solo un tavolo che è una casa, un bosco, un lago, una montagna, la piccola scena di ogni narrazione; e come in un gioco, nei giorni di pioggia e di freddo, tutti intorno per stare ad ascoltare con lo stupore dell’infanzia, cominciando insieme a diventare adulti.

Per un numero limitato di spettatori

spazio scenico 2x2
una presa elettrica 220 watt

Feb
11
dom
FIABE DA TAVOLO – Roma @ Teatro Argentina - Sala Squarzina
Feb 11@11:00
FIABE DA TAVOLO - Roma @ Teatro Argentina - Sala Squarzina | Roma | Lazio | Italia

dai 4 anni e adulti

di e con Fabrizio Pallara
produzione teatrodelleapparizioni
con il sostegno di Corsia OF

"Io credo questo: le fiabe sono vere. […] sono il catalogo dei destini che possono darsi a un uomo e a una donna" I. Calvino

Dentro ai libri, sulle bocche di chi le racconta, lette, immaginate, sognate, le fiabe nascono e poi si mettono in viaggio correndo nelle parole, e durante il viaggio cambiano, crescono, si trasformano.
Mappe di vita che accompagnano i bambini e i grandi; riti di passaggio che indirizzano e segnano strade possibili, piccoli sentieri, grandi avventure.
Sei fiabe viaggiano in sei valigie e due alla volta, in ogni incontro, verranno evocate con oggetti, suoni, racconti e immaginazioni.
Solo un tavolo che è una casa, un bosco, un lago, una montagna, la piccola scena di ogni narrazione; e come in un gioco, nei giorni di pioggia e di freddo, tutti intorno per stare ad ascoltare con lo stupore dell’infanzia, cominciando insieme a diventare adulti.

Per un numero limitato di spettatori

spazio scenico 2x2
una presa elettrica 220 watt

Feb
17
sab
PICCOLO BLU, PICCOLO GIALLO – Roma @ Officina Dinamo
Feb 17@10:30
PICCOLO BLU, PICCOLO GIALLO - Roma @ Officina Dinamo | Roma | Lazio | Italia

IL SABATO DEL VILLAGGIO

teatrodelleapparizioni in collaborazione con Officina Dinamo propone una piccola stagione dedicata alle nuove generazioni. Nuove proposte che la compagnia presenta in anteprima, per incontrare il pubblico e nutrirsi di quella relazione fondamentale che alimenta tutti i progetti all’inizio di ogni percorso.

di e con Valerio Malorni
Un incontro tra uno spettacolo e un laboratorio, una linea di confine sulla quale accomodarsi e stare. La trasformazione che comporta ogni volta la conoscenza dell’altro verrà raccontata partendo da un testo di Leo Lionni: i due protagonisti, piccolo blu e piccolo giallo, adorano giocare insieme, e quando si abbracciano diventano verdi. Un libro per dare spazio al pensiero e corpo alle parole. Come in un gioco nasceranno relazioni e accadimenti e il rapporto tra chi farà e chi guarderà sarà il motore per provocare l’attenzione alla lettura della realtà, nutrendo quello scambio fondamentale tra la parola e l’ascolto, tra le diversità e le identità di ciascuno.
I MUSICANTI DI BREMA – Roma @ Teatro India
Feb 17@16:00
I MUSICANTI DI BREMA - Roma @ Teatro India | Roma | Lazio | Italia

spettacolo-concerto

dai 4 anni e adulti

uno spettacolo di Bartolini/Baronio e Fabrizio Pallara
con Tamara Bartolini e Michele Baronio
regia Fabrizio Pallara
musiche Michele Baronio
immagini a cura di Maddalena Parise
produzione teatrodelleapparizioni

Un asino, un cane, un gatto e un gallo, maltrattati dai padroni, oppressi, e considerati ormai inutili, poco produttivi. Decidono di partire e andare a Brema per vivere liberi e diventare musicisti nella banda della città. Ma dov’è Brema?
Una domanda ricorrente accompagna gli spettatori durante tutto lo spettacolo. Una domanda per provare a rispondere ad un’urgenza: capire dove si guarda quando si possiede un sogno, da dove si comincia per rincorrere una fantasia, che direzione si prende. Uno spettacolo-concerto che vuole raccontare la fatica del lavoro veloce, mal pagato, la celebrazione della produttività, e che contestualmente cerca di sollecitare il pensiero e lo sguardo verso la ricerca di “luoghi” di libertà, piccoli momenti in cui garantirsi degli spazi di immaginazione, in cui semplicemente vivere.
E allora si intraprende un viaggio senza certezze, pieno del coraggio necessario per scoprire cosa c’è oltre ciò che si conosce, imparando a desiderare e trovando lo spazio per farlo.
In cammino insieme per scegliere cosa diventare, dove andare; una piccola avventura di resistenza e condivisione per comprendere quanto, in fondo, Brema non sia tanto un luogo, ma forse l’opportunità di raggiungere la felicità, le possibilità che ognuno può darsi correndo dietro ai desideri.

-spazio completamente oscurabile

-quadratura all’italiana nera

-spazio minimo 6 m x 5 m x 3,5 m alto

-2 prese elettriche italiana/CEE

audio a carico del teatro

-commisurato alla sala+1 cassa spia

-2 ritorni microfonici palco/regia x 4 linee

-mixer audio 6 ch minimo

luci  a carico del teatro

-9 PC di cui 2 su basetta a terra

-2 Sg 750 watt 36°

-2 stativi

-6 linee a terra (cavi neri) per pezzi della compagnia integrati alla scenografia

-consolle 24 ch

-dimmer 18 ch

Montaggio 3 ore
Smontaggio 2 ore

Referente tecnico
Fabrizio Pallara + 39 328 5628546

I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie.
Informazioni
OK